Il cibo dei fast food: un danno per il nostro organismo

Assumere frequentemente junk food può portare a numerosi rischi: obesità, tumori, colesterolo, diabete o malattie cardiovascolari

Con il termine “fast food”, in italiano, si intende una forma di ristorazione caratterizzata da cibi già pronti che si consumano rapidamente, con costi sostenibili per la popolazione media.Tali pasti, serviti nei cosiddetti ‘estens’, sono sicuramente golosi, ma allo stesso tempo sbilanciati dal punto di vista nutrizionale. Infatti, essi sono cibi poveri di fibre, sali minerali e vitamine, ricchi di grassi e zuccheri raffinati. Assumere troppo frequentemente questi junk food può portare a numerosi rischi, quali: obesità, tumori, colesterolo, diabete o malattie cardiovascolari. Inoltre, essi provocano una sorta di infezione nel nostro organismo e rendono il nostro sistema immunitario più aggressivo, che reagisce a piccoli stimoli con risposte infiammatorie più forti. A tale proposito, il direttore dell’istituto per l’immunità innata dell’ateneo tedesco, Eicke Lats, sottolinea – Dopo un’infezione, le difese del corpo rimangono in una sorta di stato di allarme, in modo da rispondere a un nuovo attacco. –

 

Ma perchè li desideriamo tanto? Cosa contengono?

Nei cibi dei fast food sono mischiati una serie di agenti chimici, capaci di attivare la memoria olfattiva, facendo riemergere nella nostra mente quei ricordi piacevoli che ci fanno sentire soddisfatti, appagati. Da notare è che, in tutti i fast food ci sono gli stessi odori, che portano alla medesima “dipendenza”. È quindi incredibile come i “cibi spazzatura” possano avere degli effetti così rilevanti sul nostro cervello.

Cosa consigliano gli esperti?

Gli esperti consigliano di ridurre il consumo di junk food a non più di una volta a settimana, così da evitare tutti i rischi elencati precedentemente. Inoltre, è consigliato non avvicinare i bambini al mondo dei fast food, poiché fargli conoscere sapori così decisi (molto dolci o molto salati), li porterebbe a ricercarli continuamente, anche nell’alimentazione casalinga.

Come facciamo a non cadere in tentazione?

Gli esperti, inoltre, consigliano una serie di abitudini che aiutano a non cedere alla tentazione dei fast food:

  • mangiare abbondantemente al mattino, possibilmente cibi sani;
  • evitare di mangiare fuori orario;
  • masticare una gomma in caso di desiderio di cibo spazzatura;
  • bere molta acqua.

In conclusione, il binomio alimentazione-salute, non deve essere trascurato, in quanto, uno stile di vita sano non è finalizzato soltanto alla prevenzione di malattie o al mantenimento di un peso ideale, ma anche al rafforzamento della memoria e della concentrazione, alla diminuzione dello stress e al miglioramento dell’umore.

Fa che il cibo sia la tua medicina.

(Ippocrate)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *